Frammenti

boesch-giosueI brani che leggerete sono dei frammenti di stupore del piccolo ma universale modo di GIOSUE' BOESCH. Nato in Svizzera, dapprima orafo poi pastore della Chiesa Riformata, si trasferisce in Italia dove vive per diversi anni la vita eremitica in stretto contatto con i monaci di Camaldoli, È uno degli ispiratori del secondo corso di Romena. Ora vive a Zurigo. Giosuè ci ha lasciato il 20 luglio 2012: ecco la sua prezioza eredità in questo articolo.

"Per me Romena è come l'albeggiare di un giorno nuovo dell'umanità, come la stella del mattino sopra un nuovo orizzonte e come rugiada sulla fronte di chi ha il cuore indurito".

Tu sei nostro padre

E’ la prima volta che nella storia dei popolo d’Israele Dio è invocato “padre”.  Nei Salmi (103,13 e 68,6) si parla di Dio come padre, ma non lo si invoca così. Nel salmo 89,27 è Dio stesso che esprime in visione il suo desiderio di essere invocato “padre”.

Ma ora, in Isaia 63,16 due volte e 64,7 una volta, il profeta mette una preghiera sulle labbra dei popolo: “Tu, Signore, sei nostro padre”. Durante il cammino di circa 800 anni il rapporto con Dio è divenuto sempre più intimo. L’espressione ebraica ”padre” ha solo una sillaba: “ab”. Sono le prime due lettere dell’ alfabeto ebraico, alef e beth. “Alef” esprime simbolicamente l’origine di ogni cosa, la sua unità di nascita, “beth” la dualità o diversità di ogni realtà creata. “Ab”, cioè “padre” significa quindi: avere un’ origine d’ unità in tutte le diversità e in tutti i suoi contrasti, come singolo e come popolo.

Se si rovescia l’espressione “padre” si legge “ba” che significa “venire”. Venire, nel suo senso profondo, significa: tornare all’origine, tornare alla sua unità primordiale, o tornare al padre. Così si capisce meglio che anche Dio, nell’avvento, sta aspettando il ritorno dell’ uomo con tutto il creato affidatogli.

Nella creazione l’uomo è stato immesso nella dualità e nella diversità di ogni cosa affinché egli riporti tutto nella sua unità piena e completa. Ma proprio questo è il dramma dell’uomo: non trova la strada per tornare al padre, alla sua piena integrità. Ecco perché grida come una pecora smarrita: “Se tu squarciassi i cieli e scendessi!”.

Archivio "Frammenti"

Calendario 2016-2017

Copertina Calendario 2016 17Il calendario completo delle attività di Romena

Visualizza o scarica

Giornalino di Romena

16 2 Cosi come seiLeggi l'ultimo numero
"Così come sei"
Autunno n°2/2016

Come richiedere il Giornalino

Romena Video

Contatti

FRATERNITÀ di ROMENA
52015, Pratovecchio (AR)
Come Arrivare (mappa)

Tel. 0575-582060
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

P.I. 02149810513
C.F. 92076490512

Privacy Policy

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Romena!
Clicca sul link "Iscriviti" e scegli la tua provincia di residenza.

Condividi!

Condividi le pagine della Fraternità di Romena su Facebook, Twitter o Google+