Gli spazi della Fraternità

ognuno e alla ricerca scritta 590

I corsi, gli incontri, i momenti di preghiera e di festa si sviluppano negli spazi intorno alla pieve: la canonica, la fattoria, l’antica stalla, i prati. Ogni angolo è stato ristrutturato in relazione alla sua destinazione, ma con una nota comune: far sentire ognuno “a casa”. La casa è uno spazio di libertà e di amore. Ed è necessario che chi arriva possa sentire di fare il suo percorso concedendosi tutta la libertà di cui ha bisogno, ma percependo anche che non è solo, che può contare su una fiammella di calore. Le attività della fraternità, programmate ogni anno, permettono a chiunque di partecipare scegliendo il suo approccio e i suoi tempi: Romena è un porto di terra nel quale si può sbarcare per un’ora, per un fine settimana, o per tempi più lunghi, a seconda della propria disponibilità. Il sogno è che chiunque, quando riparte, possa sentirsi accompagnato da un segno di autenticità e da un vento di speranza. 

 

La canonica era l'antica casa del custode della pieve. E' qua che tutto ha avuto inizio e per questo è il cuore storico dell'accoglienza di Romena. Un cuore ristrutturato con amore e semplicità nel 1991.
La casa, posta accanto alla Pieve, si sviluppa su due piani. I partecipanti ai corsi e alle attività di Romena si ritrovano nella sala da pranzo per pranzare e cenare insieme e in quella del camino, per condividere i momenti di intimità e di incontro. Nella sala degli abbracci, posta al primo piano, un grande tavolo ovale accoglie i viandanti della fraternità per le loro attività. Sia al piano superiore che a quello sottostante, in camere semplici e frugali, gli ospiti sono accolti nel fine settimana.

01_Canonica_2014.jpg02_Canonica_2014.jpg03_Canonica_2014.jpg04_Canonica_2014.jpg05_Canonica_2014.jpg06_Canonica_2014.jpg07_Canonica_2014.jpg

Appena oltre la strada che fiancheggia la Pieve la Fraternità presenta il suo secondo spazio di accoglienza. La casa colonica era quella del fattore che amministrava i terreni intorno alla pieve; è stata ristrutturata e messa a disposizione degli ospiti che qui trovano una piccola cucina, una saletta da pranzo, alcune camere e la sala del focolare, dove possono ritrovarsi in piccoli gruppi. 

 

12_Colonica_2014.jpg05_Colonica_2014.jpg03_Colonica_2014.jpg01_Colonica_2014.jpg04_Colonica_2014.jpg

Tra la casa colonica e la parte che si sviluppa posteriormente ci sono tre piccole cappelle, riscaldate da manufatti di legno che don Luigi ha trovato nelle campagne vicine e restaurato: “Gesù era un falegname - spiega – e volevo ricreare un ambiente di preghiera che gli assomigliasse anche in questa sua origine”. Nazareth, Tenerezza e Misericordia, questi i nomi delle cappelline, sono piccoli spazi in cui ci si può raccogliere in preghiera personale e dove una dolce musica accoglie chi vuole fermarsi anche solo per riprendere fiato.
Qui, due volte al giorno, gli ospiti della casa si riuniscono per un breve momento di preghiera e sempre qui ci si ritrova la domenica mattina per le Lodi.

01_Misericordia.jpg02_Misericordia.jpg03_Tenerezza.jpg04_Tenerezza.jpg05_Tenerezza.jpg06_Nazareth.jpgcappellina_Nazareth2.jpeg

Attraversando il cortile, dove è possibile ammirare la grande scultura dell’abbraccio, (foto) ci troviamo di fronte a quella che, negli anni Sessanta, era una grande stalla per l’allevamento delle mucche dell’azienda agricola che un tempo lavorava a Romena.
La Fraternità ha ristrutturato questo grande spazio ricavandone il punto ristoro, per condividere una sosta, un pasto, una piccola merenda e fermarsi a parlare con un amico assaporando prodotti di qualità e biologici.
Al suo fianco si può trovare la libreria nella quale sono disponibili le pubblicazioni delle Edizioni Romena e alcuni oggetti di artigianato espressione della creatività degli amici di Romena.

Romena_ristoro_2.jpgRomena_Ristoro_590.jpg03_Cortile_2014.jpg05_Libreria.jpg02_Cortile_2014.jpgRomena_ristoro_3.jpg04_libreria.jpg01_Cortile_2014.jpg

Ma la maggior parte di questo immenso spazio che prima era la stalla è stato dedicato al nostro Auditorium, della capienza di quasi quattrocento posti. Qui si tengono i convegni, i concerti e gli spettacoli che rallegrano i tempi della Fraternità nei suoi momenti importanti. Lungo le pareti una serie di icone create da Gigi accompagnano verso il palco: materiali poveri, dismessi, riciclati che riconquistano valore e dignità. E’ bello così pensare che il calore di una stalla si è trasformato nel calore dell’incontro, della festa, della musica…

01_ingresso-auditorium.jpg02_auditorium.jpg

Continuando il cammino troviamo la Sala dell’arca e della colomba, una grande sala dedicata al pranzo dei genitori del gruppo Nain durante i loro incontri e, occasionalmente, ad incontri e riunioni. La sala è dominata dallo sguardo della Bambina con la Colomba di Picasso: la tenerezza con la quale la bambina stringe a sé la colomba è il simbolo della tenerezza che ci avvolge e con la quale vorremmo avvolgere chi passa da qua.

01_arcacolomba.jpg02_arcacolomba.jpg

L’ultimo spazio, inaugurato a Pasqua del 2017, è la grande Sala del Mandorlo dove l’immagine del Mandorlo di van Gogh si sfuma lungo le pareti in un gioco di ombre che abbracciano coloro che si trovano all’interno. Le ombre si uniscono e si ritrovano nell’unico fiore che nasce proprio da questo incontro.
E’ la sala dedicata agli incontri dei genitori del gruppo Nain: anche per loro, speriamo, ci sarà un bocciolo nato dalle ombre.

sala-mandorlo-romena.jpg

Davanti alla canonica e intorno alla pieve si distende un grande polmone verde che serve agli adulti per rilassarsi e passeggiare, ai bambini per giocare in libertà. Da questa terrazza naturale si può godere lo splendido panorama del Casentino con il castello di Poppi, il crudo sasso della Verna davanti e il grande manto verde delle foreste casentinesi e del Pratomagno. Anche  in questo grande spazio aperto è stato previsto un luogo di raccoglimento: sotto un albero di gelso, intorno a una croce, ci si può ritrovare per parlare, per incontrarsi, per pregare, per meditare, per riposare dalla fatica, per ritrovarsi, attraverso il contatto con la natura.

01_Cortile_2014.jpg04_Cortile_2014.jpg05_Cortile_2014.jpg

Calendario 2018

Copertina Programma 2018Il calendario completo delle attività di Romena

Visualizza

Giornalino di Romena

7 Un nuovo inizioPuoi ricevere la versione cartacea del Giornalino a casa tua.
 

Romena Video

Contatti

FRATERNITÀ di ROMENA ONLUS
52015, Pratovecchio Stia (AR)
Come Arrivare (mappa)

Tel. 0575-582060
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

C.F. 92076490512

Privacy Policy

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Romena!
Clicca sul link "Iscriviti" e scegli la tua provincia di residenza.

Condividi!

Condividi le pagine della Fraternità di Romena su Facebook, Twitter o Google+