Sabato santo: Maria Teresa Abignente ci introduce questo giorno “sospeso”

Ci prepariamo ad entrare nel cuore della vigilia pasquale. Stasera, dalle 22.30, potremo attendere la Pasqua con la messa celebrata da don Luigi.
Ma prima di questo momento entriamo in questo spazio di attesa insieme a Maria Teresa Abignente: “Oggi è un giorno sospeso tra la presa d’atto di ciò che è successo ieri, e l’impazienza per ciò che di bello arriverà domani. Un giorno sospeso, come sono sospesi i nostri giorni di questo periodo, tra la vita e la morte, tra la prigionia e la libertà, tra il visibile e l’invisibile”.
In questo giorno sospeso Maria Teresa evidenzia la veglia delle donne vicine a Gesù. “Tornerà? Si chiedono. Tornerà quel Gesù che abbiamo amato, che abbiamo seguito, cui abbiamo asciugato i piedi con i nostri capelli? Noi sappiamo come è andata a finire. Loro no. Ma nonostante questo vegliano, attendono, preparano profumi”.
“Mi piace il sabato santo – sottolinea Maria Teresa – perché è un giorno carico di domande, perché è un giorno che ci insegna la pazienza, che ci insegna a non star fermi nella notte e a fare qualcosa che riscatti la nostra vita”.

Domenica 16 gennaio 2022: commento al vangelo di Luigi Verdi

Torniamo a conservare disponibile il cuore all’attenzione e alla gioia. La gioia è il nostro sogno, il suo rito è quello dell’amore al suo sorgere. Luigi Verdi

“Desmond Tutu, un grande maestro di vita”
conversazione con Wolfgang Fasser

È scomparso pochi giorni fa, ma la sue opere continuano a camminare con tutti noi. Wolfgang Fasser in questa conversazione online con Massimo Orlandi, ci aiuta a conoscere più da vicino il grande vescovo anglicano, premio Nobel per la pace, protagonista, insieme a Nelson Mandela, della liberazione del popolo sudafricano dall’apartheid. Wolfgang racconta come le […]

Ogni Giorno 2022 “Fratelli e Sorelle”
l'agenda di Romena

È disponibile anche online su www.romenaccoglienza.it, oltreché presso il punto vendita della Fraternità, la nuova agenda Ogni Giorno 2022, dedicata al tema della “fratellanza”. Dopo un lungo tempo di deserto, di attraversamento della terra del “distanziamento sociale”, sentiamo il bisogno di soffiare sul vento della prossimità, per non dimenticare di sentirci “fratelli tutti” accogliendo l’invito […]