Il respiro di Maria

Sono il Respiro di Maria.
Ho accompagnato Maria per tutta la vita, fino ad oggi.
93 anni di pieni e vuoti,
93 anni di fiati corti e lunghi, 
93 anni di sospiri di sollievo.

Una vita difficile quella di Maria, 
molte salite, nelle quali sono andato spesso in affanno,
anche se ero allenato alla fatica del dislivello della vita.

Molte volte sono rimasto imprigionato nella gola,
tanto da far sentire a Maria la mia mancanza, ma poi la Vita mi ha sempre liberato.
In questi ultimi anni camminavo dentro Maria felice, sereno e gioioso, accompagnato dalla musica del suo cuore, che batteva con entusiasmo. 

Maria era contenta.

La vedevo splendente mentre passavo dal suo sorriso e rientravo dalle vie del suo naso, ogni volta che i suoi occhi ascoltavano il profumo dei suoi amati fiori.
Maria adorava coltivare i fiori nel suo piccolo giardino, le sue amate calle l’hanno accompagnata fino a un mese fa.

All’improvviso è entrato nella nostra casa un invisibile essere dai capelli color rubino. Era Covid-19, ma tutti lo chiamano Coronavirus. Era aggressivo e bellicoso.
Mi ha sfidato con una spada affilata, per un po’ ho combattuto, poi mi ha imprigionato negli alveoli polmonari.

Maria era molto stanca, io faticavo a farmi sentire da lei, le mancavo, non riuscivo ad uscire dai polmoni.

La lama del Corona virus mi ha colpito in un punto vitale e mi ha tolto forza e fiato.

Sono arrivati Angeli Bianchi in mio aiuto, mi hanno mandato l’amico ossigeno e mi hanno creato una via di fuga, in modo che potessi uscire dai polmoni e la Vita potesse riprendermi per mano.

Intanto Maria mi aspettava, ascoltava, attendeva e dormiva.

Purtroppo l’invisibile nemico Corona è riuscito a prendermi dai polmoni e mi ha portato via da Maria.

Lei si è addormentata per sempre, qui in terra. Prima che Coronavirus mi portasse via ho sussurrato alla mia Maria che l’avrei raggiunta presto, lassù, nell’Infinito Cielo blu. Lei ha sorriso.

Il Covid-19 mi ha buttato per strada e si illude di aver sconfitto me e Maria, di averci colpito a morte.

Ma io e Maria continuiamo a vivere nel profumo dei bei fiori nel suo amato giardino.

Rivoltella del Garda, 2 Aprile 2020

Alessandra