Spirito e materia

Semplicità è privilegio

Vorrei che tutti imparassero a guardare in alto mentre camminano,ad emozionarsi per un sole che asciuga la rugiada,per un fiore che si dona a l’ultimo insetto della giornata,per il canto del tramonto.

Che ognuno provasse ad assaporare il giusto ritmo delle cose,dove ascoltare non è noia,dove il silenzio non è tristezza,dove lo stare fermi a guardare non è tempo perso.

Vorrei che la frenesia,il vortice di tristi volti che non hanno mai spazio per altro fosse un ricordo.

Vorrei che ognuno guardasse oltre il proprio giardino senza sentirsi eroi, che fosse naturale allargare le braccia,chiedere”scusa”

Vorrei che questo fosse per l’altro.

Vorrei che fosse, già da ora.

E’ possibile,sai.

Massimo